Trova la risposta alle tue domande

  • Per quale ragione devo iscrivermi al corso del Farmacista Counselor?

    Per quale ragione devo iscrivermi al corso del Farmacista Counselor?

    Le ragioni per iscriversi al corso di Farmacista Counselor sono le seguenti:

    a) per acquisire le giuste competenze per la gestione della farmacia dei servizi;

    b) per acquisire un titolo riconosciuto e validato da un ente terzo;

    c) perché la formazione può essere conseguita a distanza e secondo le proprie esigenze.

  • Quanto tempo dura il corso?

    Quanto tempo dura il corso?

    Il corso ha una durata di due mesi, per un minimo di 450 ore. Sono previste lezioni on–line in modalità Fad
    e  webinar di confronto e approfondimento i cui contenuti saranno sempre accessibili agli iscritti.

  • Il corso rilascia un attestato?

    Il corso rilascia un attestato?

    Alla fine del corso è previsto una verifica finale delle competenze e il rilascio di un diploma di Farmacista Counselor ai sensi della Legge 13/2015.

  • Il titolo di Farmacista Counselor consente di aprirsi uno studio di Counselor?

    Il titolo di Farmacista Counselor consente di aprirsi uno studio di Counselor?

    Il titolo di Farmacista Counselor consente di esercitare il Counseling e le attività inerenti in farmacia, presso il domicilio del paziente e nei centri di salute. Non abilita all’apertura di uno studio e all’esercizio del counseling in generale.

  • Il farmacista è già iscritto ad un ordine professionale, non è sufficiente per gestire la farmacia dei servizi?

    Il farmacista è già iscritto ad un ordine professionale, non è sufficiente per gestire la farmacia dei servizi?

    Il farmacista è una professione con un ordine professionale e un codice deontologico che non prevede talune attività rientranti nella farmacia dei servizi. Egli può esercitare formalmente la farmacia dei servizi, ma da un punto di vista delle linee guida del Ministero della Salute non ha le competenze acquisite durante il percorso universitario. Pertanto vanno implementate le conoscenze per rispondere a queste nuove richieste e il modus operandi per non incorrere in contrasti con altre professionalità.

  • Per esercitare il counseling in farmacia lo posso fare tutti, oppure bisogna essere dei Counselor?

    Per esercitare il counseling in farmacia lo posso fare tutti, oppure bisogna essere dei Counselor?

    IL counseling in farmacia e l’attività di counselor è regolamentata dalla Legge 4/13 sulle nuove professioni. Pertanto il farmacista che consegue il diploma di farmacista counselor, per esercitare, dovrà iscriversi ad una associazione di counselor che verifica le competenze.

  • Il titolo di Farmacista Counselor può essere rilasciato anche da enti di formazione e università?

    Il titolo di Farmacista Counselor può essere rilasciato anche da enti di formazione e università?

    La formazione in quanto tale del farmacista counselor può essere erogata da qualsiasi ente formativo e universitario, ma non possono rilasciare il tiolo di farmacista counselor ai sensi della Legge 4/13.

  • Perché iscriversi ad una associazione professionale di farmacista Counselor?

    Perché iscriversi ad una associazione professionale di farmacista Counselor?

    L’iscrizione ad una associazione professionale abilita all’esercizio del counseling in farmacia e il farmacista counselor può esercitare il diritto di remunerazione della consulenza.

  • Che differenza esiste tra il farmacista Counselor e il Counselor?

    Che differenza esiste tra il farmacista Counselor e il Counselor?

    Il farmacista counselour esercita la sua attività esclusivamente nell’ambito della farmacia e dell’assistenza domiciliare integrata (ADI), per le sue competenze. Il counselor in generale esercita la sua attività in ambiti diversi, sociali e familiari, interpretando i bisogni e le richieste di aiuto.

  • Nel programma si parla di farmacia clinica, non è incompatibile con l’esercizio della medicina?

    Nel programma si parla di farmacia clinica, non è incompatibile con l’esercizio della medicina?

    Per poter avviare ed attuare la farmacia dei servizi è necessario che il farmacista collabori con altre professionalità (infermiere, medico, pediatra) e intervenga negli aspetti clinici: aderenza alla terapia, rischio clinico farmacologico, fascicolo sanitario elettronico, ecc.

  • Il corso rilascia ECM?

    Il corso rilascia ECM?

    Ai partecipanti che frequenteranno il corso è prevista l’opzione con o senza ECM. Per i partecipanti che sceglieranno la formula con ECM, uno degli insegnamenti, sarà erogato da provider associato che rilascerà 50 crediti ECM

  • Esistono dei riferimenti normativi che istituiscono la figura del farmacista counselor?

    Esistono dei riferimenti normativi che istituiscono la figura del farmacista counselor?

    Il Manuale elaborato dal Gruppo di lavoro “Implementazione della qualità e sicurezza dei servizi assistenziali erogati dalle farmacie di comunità, di cui al D.D. 4/09/2012”, emanato dal Ministero della Salute, al punto 3.4, pag. 22, contempla il counseling in farmacia e il farmacista counselor.
    Inoltre, le Schede elaborate dal Gruppo di lavoro “Implementazione della qualità e sicurezza dei servizi assistenziali erogati dalle farmacie di comunità, di cui al D.D. 4/09/2012”: la Scheda n. 8 (Il Counseling in Farmacia) e la Scheda n. 10 (La Formazione), tracciano le linee guida per l’esercizio del Counseling in farmacia e del farmacista counselor.

  • A chi consigliereste maggiormente il corso?

    A chi consigliereste maggiormente il corso?

    Il corso del Farmacista Counselor è consigliato a tutti i farmacisti: titolari, collaboratori e farmacisti pubblici. In particolare si consiglia ai neolaureati che possono offrire una competenza in più nella ricerca occupazionale.

  • Quali sono gli adempimenti per esercitare come counselor in farmacia?

    Quali sono gli adempimenti per esercitare come counselor in farmacia?

    Gli adempimenti necessari per l’esercizio del counseling in farmacia è necessario che il farmacista segua un percorso formativo di minimo 450 ore secondo un programma riconosciuto, che superi una valutazione delle competenze da parte di un ente terzo e che sia iscritto ad una associazione professionale di counselor.

  • Ai fini della Responsabilità Civile cosa cambia per il farmacista Counselor?

    Ai fini della Responsabilità Civile cosa cambia per il farmacista Counselor?

    la responsabilità civile del farmacista è riferita in particolare agli atti inerenti la dispensazione e distribuzione del farmaco, in particolare alla conservazione alla spedizione della ricetta. Il farmacista Counselor, poiché interviene nella parte clinica dell’assunzione del farmaco si estende la sua RC al rischio clinico, alla corretta assunzione del farmaco e ad eventuali conseguenze prodotte da farmaci SOP, integratori alimentari e presidi medici consigliati durante l’esercizio del counseling.